Il tuo browser non supporta JavaScript!

Buona la prima

in uscita
Buona la prima
titolo Buona la prima
autore
collana Varianti
editore Morellini
formato Libro
pagine 192
pubblicazione 04/2020
ISBN 9788862987523
 

Abstract

“Con intelligenza scintillante, le prime volte di Fabienne Agliardi meriterebbero di essere quelle di tutti noi.” Raul Montanari
Prossima pubblicazione, disponibile dal 09-04-2020
13,90
 

Il libro si apre con una domanda «Qual è il primo libro che hai letto?». 

Da qui, Maia, la protagonista, una giornalista sulla soglia dei quarant’anni, decide di ripercorrere la propria vita attraverso le “prime volte”: la prima fiaba, il primo amore, il primo giorno di scuola, la prima neve, la prima volta al cinema e poi avanti con il primo appuntamento, il primo brutto voto, “quella” prima volta, la prima notte di nozze, fino all’Epilogo, nel dicembre 2017: Maia sta per dare alla luce il primo figlio e ha finito di scrivere il suo libro, che si chiude con un raccordo su tutti i personaggi in cui si è imbattuta. Un divertente excursus fatto di tante sliding doors, “venti prime volte che contano” tappe di vita che coprono quattro decenni, seguendo un ordine cronologico scandito da tre fasi “fotografiche”: Bianco e Nero (infanzia), Polaroid (pre-adolescenza e adolescenza) e Digitale (maturità). 

 

Biografia dell'autore

Fabienne Agliardi

Fabienne Agliardi avrebbe dovuto chiamarsi Gaetana solo per ereditare una casa da una vecchia zia senza figli. Tuttavia, al fotofinish, i genitori preferirono un nome esotico; così la casa andò in beneficenza e lei deve pagarsi il mutuo. Vive a Milano con marito, figlia e gatta. Giornalista, laureata in Lingue con una tesi sulle parodie, collabora con Mondadori ed è Direttore Editoriale di Teatro.it, ma la pagnotta se la guadagna lavorando nella Comunicazione della Direzione Alumni dell'Università Bocconi. Il suo primo racconto risale al 1987 ed è stato pubblicato sul giornalino del convento dei frati cappuccini di Salò, al tempo presieduto da suo zio Padre Pierfranco. Dopo tre anni di scuola di scrittura e alcuni concorsi dove si è ben piazzata con racconti brevi, ha pensato fosse giunta l’ora di andare oltre le cinque pagine. Buona la prima – venti prime volte che contano è il suo primo romanzo.

Inserisci i numeri visualizzati per il controllo anti spam

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.